Filter
Gamma di prodotti
Filter for articles

Elemento di bloccaggio a posizione variabile

Elementi per il bloccaggio "flottante" idraulico dei pezzi

a doppio effetto

a semplice effetto con richiamo a molla

forza di bloccaggio max.: 4,2 .. 18 kN
carico max.: 4 .. 24,5 kN
corsa/campo di bloccaggio: 4 .. 12 mm
pressione max. d'esercizio: 250 .. 500 bar

Series Data sheet Technical data
B1.732
B1.732
show
B1.732 Elemento di bloccaggio a posizione variabile

 

raccordo separato per arresto in posizione

a semplice e doppio effetto

pressione max. d’esercizio 250 bar

forza di bloccaggio max.: 7 kN
forza di tenuta max.: 4 kN
corsa per ogni ganascia di bloccaggio: 6 mm

B1.733
B1.733
show
B1.733 Staffa di bloccaggio a posizione variabile

 

raccordo separato per arresto in posizione

con controllo opzionale della posizione

a doppio effetto

pressione max. d'esercizio 250 bar

forza di bloccaggio max.: 7,5 kN
forza di tenuta max.: 10 kN
campo di bloccaggio: ± 4 mm

I4.130
I4.130
show
I4.130 Elementi di bloccaggio a morsa, con posizione variabile

 

max. forza di bloccaggio 8 kN

larghezza ganascia 40 mm

a doppio effetto

max. pressione d'esercizio 250 bar

forza di bloccaggio max.: 8 kN
forza di tenuta max.: 10 kN
larghezza ganascia: 40 mm
corsa di bloccaggio: 2 x 8 mm
flusso volumetrico max.: 17 cm³/s

B1.711
B1.711
show
B1.711 Cilindro idraulico con pistone autobloccante

 

a semplice effetto

con ritorno a molla

pressione max. d’esercizio 500 bar

Cilindro con corpo filettato
Cilindro a basetta
Cilindro a basetta con spinta verso il basso

forza di bloccaggio max.: 5 kN
forza di tenuta max.: 10 kN
carico max.: 24,5 kN
diametro del pistone: 20 mm
corsa: 10 mm

show
figura 1: Elemento di bloccaggio a posizione variabile B1.732





 
show
figura 2: Staffa di bloccaggio a posizione variabile B1.733




























 
show
figura 3: Elemento di bloccaggio a morsa, bloccaggio a posizione variabile I4.130





 
show
figura 4: Cilindro idraulico con pistone autobloccante B1.711
 

Impiego
Gli elementi di bloccaggio a posizione variabile vengono impiegati per l’appoggio ed il bloccaggio di parti cedevoli dei pezzi da lavorare. Essi si adattano alla posizione del punto di bloccaggio senza causare deformazioni. Hanno un effetto antivibrante e sopportano le forze di lavorazione in tutte le direzioni.

Elemento di bloccaggio a posizione variabile B1.732 (figura 1)
L'elemento di bloccaggio a posizione variabile è un piccolo elemento di bloccaggio con due ganasce mobili azionate da un raccordo idraulico comune. Il pezzo viene bloccato a guisa di pinza (flottante) indipendentemente dalla sua posizione all'interno del campo di bloccaggio.
Successivamente, tramite raccordo separato per il bloccaggio in posizione, entrambe le ganasce vengono fissate idraulicamente.

Pinza di bloccaggio a posizione variabile B1.733 (figura 2)
La staffa di bloccaggio a posizione variabile è costituita da un corpo di collegamento a forma di U e dall’unità di bloccaggio mobile, con adduzione dell’olio mediante due tubi flessibili brevi ad alta pressione.
Nell’unità di bloccaggio mobile è inserito un cilindro idraulico a doppio effetto la cui forza di bloccaggio viene applicata attraverso la leva di bloccaggio a 180° verso il supporto del pezzo.
Questo supporto è regolabile in altezza per bloccare pezzi di spessore differente. Dopo il processo di bloccaggio l’unità mobile viene fissata nel corpo di collegamento da un cilindro a semplice effetto, in modo da assicurare la trasmissione della forza tra pezzo e attrezzatura.
Il controllo della posizione della leva di bloccaggio può essere di tipo induttivo o pneumatico.

Animazione staffa di bloccaggio a posizione variabile

Elementi di bloccaggio a morsa, con bloccaggio a posizione variabile l4.130 (figura 3)
Gli elementi di bloccaggio a morsa con posizione variabile possono bloccare e supportare ulteriormente in punti cedevoli un pezzo già posizionato e bloccato su arresti fissi.
L'elemento di bloccaggio a morsa con posizione variabile è costituito da un corpo di base molto stretto dotato di 2 cilindri idraulici integrati. Le forze del pistone vengono trasferite attraverso un collegamento obbligato a entrambe le slitte di bloccaggio con movimento indipendente. Al bloccaggio entrambe le slitte si accostano al pezzo praticamente senza dispersione di forze. Solo successivamente la pressione di bloccaggio aumenta e di conseguenza anche la forza di bloccaggio. Tramite calettamento della slitta di bloccaggio ne viene impedito lo spostamento. Il pezzo viene quindi trattenuto in modo flottante senza deformazione.

Cilindro idraulico con pistone autobloccante B1.711 (figura 4)
I cilindri idraulici con pistone autobloccante sono cilindri di tipo tuffante a semplice effetto. Il pistone è tuttavia strutturato in modo che all'applicazione della pressione
subisca un allargamento e rimanga impuntato entro il cilindro.
Il cilindro idraulico con pistone autobloccante non serra soltanto il pezzo, ma assorbe anche le forze di lavorazione aventi direzione opposta a quella di serraggio anche 5 volte maggiori.

 

Serie di guarnizioni
per elementi idraulici

Tabella di catalogo S0.001

show
figura 1: Ganascia di bloccaggio con vite di pressione orientabile
 
show
figura 2: Piastre di adattamento per elementi di bloccaggio a morsa
 
show
figura 3: Piastre di adattamento per elementi di bloccaggio a morsa
 

Ganascia di bloccaggio con tassello di pressione orientabile (figura 1)
per elementi di bloccaggio a posizione variabile B1.732
Tabella di catalogo B1.732

Controlli induttivi o pneumatici della posizione
per staffa di bloccaggio a posizione variabile B1.733
Tabella di catalogo B1.733

Adattatori (figura 2 – 3)
per attrezzature di bloccaggio
=> vedere sulle rispettive tabelle di catalogo PDF
Attrezzature di bloccaggio

 
show
figura 1: Impiego di aste di bloccaggio a posizione variabile B1.733 per coppe dell’olio per automobili
 
show
figura 2: Impiego di aste di bloccaggio a posizione variabile B1.733 per coppe dell’olio per automobili

 
show
figura 3: Staffa a posizione variabile B1.732 per il bloccaggio “flottante” di un supporto per centraline
 
show
figura 4: Elemento di bloccaggio a morsa con ganascia fissa combinato con un elemento di bloccaggio a morsa a posizione variabile I4.130
 
show
figura 5: Cilindro con corpo filettato con pistone autobloccante B 1.711: Pinza di bloccaggio semplice per il "bloccaggio flottante"
 

Video sull'applicazione:

Impiego di staffe di bloccaggio a posizione variabile B1.733 (figura 1-2)
in un'attrezzatura a bloccaggio doppia per coppe dell'olio nel settore automobilistico.
Ogni coppa dell'olio viene bloccata e supportata su un 4° punto di bloccaggio.

Elemento di bloccaggio a posizione variabile B1.732 (figura 3)
La figura mostra un elemento di bloccaggio a posizione variabile per il bloccaggio "flottante" di un braccio fisso di un supporto per centraline nel settore dell'industria automobilistica, che in precedenza era stato fissato in posizione con le staffe di bloccaggio rotanti delle tabelle B1.880 e B1.891.

 

 

Elementi di bloccaggio delle attrezzature a posizione variabile l4.130 (figura 4)
Attrezzatura di bloccaggio con ganascia fissa combinata con un'attrezzatura a posizione variabile - Attrezzatura di bloccaggio per il pedale di un veicolo commerciale.

 

 

 

Cilindro con corpo filettato con pistone autobloccante B 1.711 (figura 5)
Pinza di bloccaggio semplice per il "bloccaggio flottante"
Su una piastra di base sono fissati mediante cilindri con corpo filettato e pistone autobloccante 2 listoni di serraggio e collegati tra loro attraverso canali interni. Il blocchetto fissato al centro serve da guida per le due ganasce. Le ganasce vengono portate nella posizione di base da molle incorporate.
Il "bloccaggio flottante", cioè l'appoggio uniforme a guisa di pinza contro il pezzo indipendente dalla posizione viene assicurato dalla compensazione della pressione idraulica tra cilindri. Comunque, forze diverse delle molle possono alterare l'uniformità. Dopo l'aumento della pressione, i due pistoni autobloccanti impediscono il movimento flottante del punto di bloccaggio.